Alpino Mario Bonini,

Medaglia d'Oro al Valor Militare


Mario Bonini, originario della frazione Arva di Cellio, è medaglia d'oro al valor militare (alla memoria).


In servizio al glorioso Battaglione Alpini "Monte Cervino", la cui eredità oggi è preziosamente e orgogliosamente custodita dal IV Reggimento Alpini Paracadutisti di Bolzano, perse la vita nel gennaio del 1941, per salvare quella dei propri commilitoni.


Ricevette la Medaglia d'Oro al Valor Militare alla memoria, con la seguente motivazione:


Attendente di un ufficiale comandante di un posto avanzato,
attaccato da forze nemiche preponderanti, visto cadere il tiratore di un fucile mitragliatore,
prendeva coraggiosamente il posto del compagno ed incurante del fuoco avversario,
intenso e micidiale, riprendeva immediatamente il tiro.

Ferito ripetutamente prima al viso e poi a una gamba da proiettili di mitragliatrice,
soffocando con indomita volontà il dolore delle ferite, continuava intrepidamente il fuoco.

Visto cadere poco lontano il proprio ufficiale, affidava l'arma ad un compagno,
e raccogliendo in un ultimo sforzo tutte le energie rimastegli,
si trascinava fino a lui per tentare di soccorrerlo, ma colpito una terza volta,
si abbatteva morente accanto alla salma del superiore, condividendone l'eroico destino.


Esempio di eroismo purissimo, di abnegazione insuperabile e di assoluta devozione.

Quota 1514 dei Monti Trebescini (Fronte greco), 29 gennaio 1941.


(Fonte: Archivio Onorificenze Presidenza della Repubblica Italiana)


Alla sua memoria è dedicato il Gruppo Alpini di Cellio.

 

medagliaBonini

La Medaglia d'Oro al Valor Militare dell'Alpino Mario Bonini